Arrivano i dentini!

schema-dentale v02Ho avuto a che fare con questo problema che il mio cucciolo non aveva ancora compiuto 6 mesi!

E’ stato un imprevisto, completamente inaspettato. 

Solitamente mi informo in anticipo su eventuali “problematiche” che stanno per arrivare a seconda dell’età del mio cuccio (quelle che si possono prevedere ovviamente), ma sui dentini

ero del tutto impreparata!

Ogni mese mi preparo sulle diverse tematiche che posso incontrare, leggendo diversi libri e anche su internet, in merito a tutto ciò che potrebbe avvenire nel corso del 1 mese, 2 mesi, 3 mesi, 4 mesi, 5 mesi, 6 mesi….avevo letto tutto, ero al passo, ma sui dentini ancora nulla.

Successivamente ho imparato che i denti sono un capitolo a parte: non c’è un’età nella quale decidono di fare la loro comparsa nella bocca dei nostri bimbi, decidono e basta! Spesso, a detta del mio pediatra, è una questione ereditaria. Ma né io né mio marito abbiamo memoria della comparsa dei nostri primi denti e le nostre madri (non so le vostre) non sono state così attente da annotare questa informazione.

Era un giorno come tanti altri, o almeno credevo, quando all’improvviso Edo ha iniziato ad urlare come un pazzo. Ho passato in rassegna le cose basilari: pappa no, non è sporco, non ha freddo né è sudato, niente sete . Superato il test di primo livello, ho passato in rassegna malesseri legati a raffreddore e naso chiuso, febbre, mal di gola,mal di orecchie… ma niente. All’improvviso, mi si balena in mente l’idea che potevano essere i dentini.

Tempo fa mio marito aveva comprato il famoso “mordicchi oso” (oggetto appositamente creato per essere addentato dai bimbi proprio per dare sfogo alla voglia di strofinare e dare sollievo alle gengive doloranti e che esiste in commercio in ogni forma e colore) e l’ho messo subito in freezer per congelarlo. Passato qualche minuto gliel’ho infilato in bocca tra le gengive e ho visto che per qualche secondo aveva smesso di piangere: erano proprio i denti  che stavano facendo il loro ingresso sul sorriso sdentato del mio cucciolo.

Pochi secondi e il mordicchioso è stato abbandonato. Cosa fare? Sempre al corso sullo svezzamento, la dietista ci aveva dato qualche dritta proprio sui dentini. Perfetto! Era ora di mettere in atto i consigli!

Avevo acquistato tempo prima un oggetto, ribattezzato da mia sorella “succhia frutta”. Una specie di ciuccio ma con la retina dentro la quale si possono inserire pezzetti di frutta da fare succhiare al bimbo senza avere la preoccupazione che qualche pezzo più grosso finisca in gola per soffocarlo. Edoardo, che non ama la frutta, lo aveva a mala pena guardato e lanciato in aria perché di frutta non ne voleva proprio sapere.

La dietista ci aveva però consigliato di utilizzarlo con pezzetti di frutta congelata con una duplice risultato: da un lato i bimbi sentono il fresco sui denti che ha una durata maggiore rispetto al mordicchioso e in più mangiano anche qualcosa! Sì perché con il male ai denti i bimbi spesso di mangiare non ne vogliono proprio sapere!

Edoardo aveva smesso di mangiare qualsiasi cosa e continuava a urlare oramai da due ore per il male ai denti. Lasciato il mordicchioso, ho provato con il succhia frutta dopo aver aspettato un pochino per congelare almeno in parte i pezzetti di frutta. Ha funzionato!

Finito con il succhia frutta, finalmente esausto si è addormentato.

Nel frattempo ho continuato la mia ricerca e ho chiesto aiuto anche al famoso gruppo su whatsapp delle altre mamme: a quanto pare Edo era uno dei pochi ad avere effetti così drastici con i denti.

In compenso ho raccolto diversi sintomi che sono tutti legati ai dentini. C’è chi li ha tutti, chi li ha in parte, chi non li ha proprio. Se ne riconoscete qualcuno, magari vi possono essere di aiuto nel caso in cui vi troverete in un momento di panico e magari riuscirete a capire più velocemente cosa può avere il vostro bimbo:

  • diarrea
  • notti insonni quando di solito dorme
  • febbre
  • irrequieto
  • non mangia o mangia poco
  • sbava in continuazione
  • mette in bocca ogni cosa che gli capita a tiro (anche se questo è anche tipico dell’età) e appena gli mettete un dito in bocca lo usa come un osso da sgranocchiare(!!!)

Poi sono arrivati altri suggerimenti: Dentinale Natura alla camomilla e balsamo primi denti (da spalmare entrambi sulla gengiva e servono per calmare un po’ il dolore), fialette omeopatiche Camilia che ad alcuni fanno effetto, ad altri no,  Viburcol supposte omeopatiche (ma queste non me le hanno date senza ricetta del pediatra) e in casi estremi la Tachipirina, che come in caso del vaccino, può calmare se il bimbo è irritato.

Questo è quello che ho fatto io, vi consiglio comunque di sentire il vostro pediatra per un parere medico e professionale. Sappiate comunque che i denti possono arrivare quando meno ve lo aspettate e, almeno voi, sarete preparate!

A presto.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...