Cambio di programma last minute: 6 consigli per uscirne indenne

Ebbene si, abbiamo cambiato destinazione!

Vista la scarsa sopportazione di Edo al caldo ci è stato consigliato, anche su parere del pediatra, di optare per la più fresca montagna piuttosto che il calore del mare.
Si perché Edo sembra avere una predisposizione più “trentina” (presa da chi sa quale avo) che partenopea (come il papà).
Sudorazione perenne e puntini rossi sparsi su tutto il corpo (che in seguito abbiamo scoperto essere la forma leggera di quella malattia che prende il nome di sudamina), oltre che pianto incessante al minimo cenno di caldo e a ridurci ad andare in giro con il solo body smanicato, ci hanno obbligati a disdire l’hotel prenotato ad Alba Adriatica (a distanza di una sola settimana dalla partenza), per prenotare in quattro e quattr’otto una settimana per la montagna.

Gli acquisti fatti per il mare si sono così tramutati per acquisti per la montagna. Nulla è cambiato e nulla è stato sprecato. Persino paletta e secchiello rientrano ormai tra gli abituali giocattoli che si incontrano in giro per casa tra i mille a disposizione di Edo. Abbiamo però aggiunto qualcosa: lo zaino da montagna dove infilare Edo in caso di camminate ed escursioni. Lo abbiamo avuto in prestito da mia cognata senza bisogno di acquistarlo. Ottimo, si parte!

Destinazione: Folgaria.

Abbiamo trovato un hotel già sperimentato in passato, della catena Blu hotels, si chiama Golf Hotel, che oltre alle solite camere di albergo, offre una zona “residence” all’interno della stessa struttura, ma che permette, se si desidera, di usufruire di tutti i servizi previsti della sistemazione in camera (come la pulizia giornaliera e la pensione completa).

L’appartamento ci consente inoltre di avere il frigo (per le merende e il latte), di utilizzare lo scaldabiberon durante la notte e di lasciare gattonare liberamente Edo come preferisce senza dover stare rilegati nei 19 metri quadrati di una camera di hotel che tra valigie, letto e scrivania lascia ben poco per le esplorazioni e i momenti di gioco di qualunque bambino (soprattutto se nella fase di gattonamento!).

L’hotel poi dispone di spa, palestra e piscina coperta, particolarmente utile in caso di mal tempo (si perché pare che questa settimana siano previsti fulmini, saette e litri di pioggia in tutta Italia e almeno per questo, meno male che non siano andati al mare!). Così almeno posso continuare la mia lotta contro i chili di troppo anche in vacanza!
Abbiamo anche concordato con lo chef i piatti e gli orari per la preparazione delle pappe per il cucciolo.
Bene! Pronti allora per la nostra settimana in montagna? Via!
Buone vacanze a tutti 🙂

Ricapitolando:
1- per chi come me preferisce essere “coccolati” dai servizi di un hotel ma non vuole rinunciare alle comodità di un appartamento, consiglio di cercare strutture come questa che offrono il meglio di entrambe: non dovrete cucinare nè per voi nè per il vostro cucciolo (senza quindi avere problemi di stoviglie da lavare, fare la spesa e tutto il resto!), ma avrete comunque a disposizione l’angolo cottura per ogni necessità e ampi spazi di manovra;

2- cercate di prenotare sempre in strutture in cui è possibile disdire fino al giorno prima dell’arrivo senza penali (viaggiando con bambini piccoli può capitare davvero di tutto); ad esempio sui siti come Booking, Venere, Expedia, ecc… è possibile selezionare l’opzione “cancellazione gratuita”: costa un po’ di più ma vi mette al sicuro da mille inconvenienti;

3- scegliete un hotel dove potete accordarvi con lo chef sugli gli orari e sulla preparazione dei pasti per il vostro cucciolo senza stress;

4- optate per camere ampie o per un appartamento, se la struttura lo prevede, in modo da avere spazio sufficiente per voi e per il vostro cucciolo (più si stanca, più vorrà riposare e poi vi godrete la vacanza);

5- scegliete un hotel (con spa e piscina coperta ad esempio) o una località (magari con un bel centro storico o vicino a qualche centro d’interesse) grazie al quale potete studiare un piano B in caso di mal tempo: eviterete la noia e non penserete di aver sprecato ferie e soldi; verificate le previsioni del tempo mano a mano che si avvicina la data di partenza e valutate le distanze e le attività alternative così sarete preparati;

6- fate in modo che sia il vostro bimbo a stare bene: se soffre il caldo rinunciate al mare, se soffre il freddo e ha spesso raffreddore o tosse, preferite l’aria di mare; se il vostro bimbo/bimba starà bene, di conseguenza starete bene anche voi.

2 pensieri su “Cambio di programma last minute: 6 consigli per uscirne indenne

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...