Giancarlo ci racconta: Vuoi scoprire chi sono i tuoi veri amici? Fai un bambino e lo saprai!

Alcuni amici mi hanno “spinto” a scrivere un post sull’amicizia. Come questa nasce, si evolve e cambia, sopratutto quando l’equilibrio “quotidiano” viene scosso da un’evento importantissimo come la nascita di un bambino.

Potrei stufarvi all’infinito con le solite frasi fatte: “un amico si vede nel momento del bisogno” oppure “chi trova un amico trova un tesoro” e così via.. io penso che la realtà sta nei fatti e non nelle parole e sono convinto che l’amicizia vada analizzata in tutte le sue sfaccettature.

Prendiamo ad esempio cosa dice wikipedia:

“L’amicizia è un tipo di legame sociale accompagnato da un sentimento di affetto vivo e reciproco tra due o più persone.”

Intanto è un tipo di legame sociale e non l’unico. Io credo che un amico non ti offre solo amicizia, ma tanto altro come amore, vicinanza, affetto, supporto, ecc.. forse analizzarlo nella sua singolarità è anche sbagliato. La complessità delle cose che ci circondano è talmente alta che vedere gli elementi in modo singolare è troppo riduttivo.

E’ accompagnata da un sentimento di affetto vivo. Su questo possiamo aprire un dibattito infinito, vivo inteso come “attivo”? Sei amico solo quando ci sei? Sei più amico solo quando ci sei di più? Se mi chiami tutti i giorni sei un “super amico”?
Io penso che un’amicizia viva è quando non ti vedi da mesi ed è come il tempo si fosse fermato, li ad aspettare il ritrovo, li a farti vivere quel sentimento infinito di benessere. Il benessere nel stare insieme alle persone che vuoi bene, alle persone con le quali puoi parlare di tutto, dove non c’è paura nell’esprimere quello che pensi, dove non c’è paura di essere presi in giro per quello che si è, si ha o si fa, dove il contenuto conta più della forma. Forse è proprio vero, l’amico è con chi puoi stare in silenzio (cit. Camillo Sbarbaro), senza che questo sentimento fortissimo possa essere leso.

Infine, l’amicizia deve essere reciproca. Non ho mai visto un “amico single”, non penso sia possibile essere amici di qualcuno che non ti sopporta. Forse alcune persone non se ne rendono conto, ma penso che, molte amicizie siano univoche; in questi casi parliamo quindi di amicizie fittizie che forse è meglio troncare, perchè in fondo, meglio pochi ma buoni.

Quindi come può un evento come la nascita di un bambino intaccare questo sentimento? Forse, se in queste occasioni si perde qualche “amico” per strada, è perchè non era tale.

A presto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...